Anni ’70. Società, politica, visioni del mondo. Il clima è fervente, rovente. Anche su “Topolino”, tra le righe, emergono diverse ideologie.
Con garbo, ma in modo deciso. Del resto, i fumetti sono scritti da uomini.

Il nostro uomo, in questo caso, è Rodolfo Cimino. Nome evocativo.
Nato nel 1927 a Palmanova, provincia Udine. Dopo un passato da inchiostratore, decide di approdare stabilmente alle sceneggiature.

Affabulatore, nonno cantastorie, poeta delle piccole cose, vecchio saggio, amante delle tradizioni semplici, utopico sognatore.

Socialista.

10 gennaio 1971: esce in edicola il numero 789 di “Topolino”. …

Davide Soriente

Le mie riflessioni, le mie passioni. Me stesso.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store